Comunicati Gilda

SCIOPERO UNITARIO SABATO 24 NOVEMBRE 2012 - SUBITO MOBILITAZIONE CONTRO LEGGE VERGOGNA!

Inserito da admin il 15 Ottobre, 2012 - 19:28
Sciopero per l´intera giornata del 24 novembre, con manifestazione nazionale a Roma, preceduto da un nutrito pacchetto di iniziative che prevedono:

• immediata sospensione delle attività non obbligatorie svolte nelle scuole dal personale docente e ata

assemblee in orario di servizio che si terranno contemporaneamente in tutte le scuole il 13 novembre

• richiesta di incontro con i segretari dei partiti che compongono l´attuale maggioranza, per chiedere la cancellazione dal testo del disegno di legge di stabilità delle misure che, stravolgendo unilateralmente il contratto di lavoro, determinerebbero un forte aumento dell´orario di servizio dei docenti abbassandone di fatto le retribuzioni

• presìdi presso le sedi politiche e parlamentari

sospensione delle relazioni sindacali col Ministero dell´Istruzione.

Queste le decisioni prese oggi pomeriggio dai segretari generali di Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Fgu dopo che nei giorni scorsi era andato a vuoto il tentativo di conciliazione sul mancato pagamento degli scatti di anzianità.

Quella del riconoscimento dell´anno 2011 ai fini delle progressioni economiche e di carriera è la motivazione iniziale dello sciopero, a cui si sono aggiunte nel frattempo le misure contenute nel disegno di legge di stabilità, nei confronti delle quali è netto il dissenso delle quattro organizzazioni che, insieme, avevano a suo tempo rivendicato e ottenuto l´intesa per il graduale recupero delle anzianità "tagliate" dalla manovra economica dell´estate 2010.

La sospensione delle relazioni sindacali col Ministero, che per l´inaffidabilità della controparte rischiano spesso di rivelarsi inconcludenti, è stata decisa per rimarcare in modo forte la denuncia delle pesanti invasioni di campo su materie contrattuali e la perdurante latitanza del Governo, che ha fin qui impedito l´avvio della trattativa all´ARAN per il recupero delle progressioni economiche.

Nella giornata di domani sarà diffuso un documento che i segretari generali stanno predisponendo per una più articolata illustrazione delle motivazioni di un´azione sindacale che, assumendone il forte disagio e l´indignazione, punta a raccogliere ed esprimere la più vasta unità della categoria.

Roma, 15 ottobre 2012
CISL SCUOLA - Francesco Scrima
UIL SCUOLA - Massimo Di Menna
SNALS CONFSAL - Marco Paolo Nigi
GILDA UNAMS - Rino Di Meglio
( categories: Comunicati Gilda )

SCATTI DI ANZIANITÀ E BLOCCO DEL CONTRATTO: È SCIOPERO UNITARIO

Inserito da admin il 11 Ottobre, 2012 - 20:55
Il tentativo di conciliazione svoltosi oggi al Ministero in merito alla questione delle progressioni stipendiali del personale della scuola è fallito: il Governo continua a eludere una trattativa indispensabile per dare risposta alle attese dei lavoratori.

I segretari generali di Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Fgu hanno deciso, pertanto, di proclamare lo sciopero della categoria, riservandosi di fissare lunedì pomeriggio la data di svolgimento.

A queste motivazioni, si aggiungono quelle della più ferma opposizione alle misure oggetto delle odierne indiscrezioni di stampa, qualora trovassero conferma nel testo del disegno di legge di stabilità.

Le decisioni del Governo sono gravissime per i contenuti, ma anche per i modi in cui vengono assunte: ignorando impegni; invadendo ambiti che appartengono alla contrattazione; intervenendo con scelte sbrigative, superficiali e unilaterali sugli orari di servizio degli insegnanti, ai quali non si possono aggiungere carichi ulteriori di lavoro quando non si è in grado di riconoscere adeguatamente quelli che già sopportano.


Roma, 11 ottobre 2012


Francesco Scrima
Massimo Di Menna
Marco Paolo Nigi
Rino Di Meglio

( categories: Comunicati Gilda )

LEGGE STABILITÀ, GILDA: GOVERNO RISPETTI REGOLE O NON VARRANNO NEANCHE PER SINDACATI

Inserito da admin il 11 Ottobre, 2012 - 16:50
"Se il governo dovesse toccare l'orario di servizio degli insegnanti, stracciando letteralmente il contratto di lavoro con un atto d'imperio, la risposta dei docenti non potrà che essere durissima". Così il coordinatore nazionale della Gilda, Rino Di Meglio, commenta le novità per il mondo della scuola che sarebbero contenute nella legge di stabilità.

"La rottura di ogni regola vigente sulle relazioni sindacali, infatti, porterebbe dritti al caos, facendo cadere – conclude il sindacalista – anche gli accordi sulla regolamentazione del diritto allo sciopero".
.

Roma, 11 ottobre 2012

( categories: Comunicati Gilda )

AUMENTO ORARIO DI LAVORO A PARITÀ DI STIPENDIO?

Inserito da admin il 11 Ottobre, 2012 - 12:43
Aumento dell'orario di lavoro a parità di stipendio per i docenti medie e superiori

 

In merito alle notizie apparse oggi su alcuni organi di stampa, sulla presunta decisione del Governo di aumentare le ore di lezione degli insegnanti a parità di stipendio, la FGU-Gilda degli Insegnanti precisa che nel testo in suo possesso della proposta di legge di stabilità non c'è traccia di tale provvedimento.
L'orario di lavoro dei docenti è oggetto di trattativa sindacale e non risulta neppure che le OOSS siano state convocate per discutere di tale argomento.
Se questo fosse il progetto del Governo e del Ministro Profumo la FGU-Gilda degli Insegnanti attiverà tutti gli strumenti a sua disposizione, sindacali e legali, per opporsi a quello che si configurerebbe come un vero e proprio abuso.

 

La Direzione Nazionale della FGU-Gilda degli Insegnanti

( categories: Comunicati Gilda )

REGISTRO ELETTRONICO, GILDA: CHIEDIAMO LA MORATORIA DI UN ANNO

Inserito da admin il 27 Settembre, 2012 - 13:19

registro elettronicoIl registro elettronico? Sarà un altro buco nell'acqua, una trovata del ministero dell'Istruzione che, invece di produrre un risparmio, caricherà ulteriormente i docenti di lavoro. La Gilda degli Insegnanti boccia la novità annunciata dal ministro Francesco Profumo, spiegando che “l'introduzione del registro elettronico non porterà all'eliminazione del cartaceo perchè, secondo le norme vigenti, i registri tradizionali rappresentano atti pubblici che hanno valore giuridico. Così, non solo si fallirà l'obiettivo di dematerializzare le pagelle previsto dalla spending review, ma si costringerà anche i docenti a una estenuante giustificazione delle valutazioni espresse nei confronti degli alunni”.

 

 La Gilda, inoltre, critica il ritardo con cui procede l'iter burocratico: “L'attuazione del provvedimento – afferma il sindacato – doveva essere regolata da un Piano per la dematerializzazione la cui emanazione era prevista entro 60 giorni dall'entrata in vigore del decreto. Eppure, dopo oltre due mesi, non c'è alcuna traccia di questo Piano".

 

 Alla luce delle difficoltà e dei costi che graverebbero sulle scuole a cominciare già dal prossimo anno scolastico, la Gilda chiede un incontro a Profumo per proporre la moratoria di un anno, così da predisporre gli strumenti per la partenza del Piano, formare i docenti e il personale della scuola e reperire le risorse. “Se non si lascerà il tempo necessario per organizzare al meglio l'introduzione del registro elettronico – conclude la Gilda – la digitalizzazione rischierà di rivelarsi soltanto un ulteriore aggravio per i docenti e per le scuole, senza migliorare di una virgola l'offerta formativa”.

 Roma, 27 settembre 2012

 

( categories: Comunicati Gilda )