Sezioni

CONCORSO, GILDA: RUOLO COMMISSARI SMINUITO. SERVE DECRETO URGENTE

Inserito da admin il 8 Febbraio, 2013 - 15:20
2 soldi..."Non è ammissibile che i commissari per un concorso ordinario ricevano un'indennità di massimo 700 euro lordi e senza esonero dal servizio. Ne va della qualità del lavoro sia nell'ordinaria attività didattica sia nella valutazione delle prove concorsuali". A stigmatizzarlo è la Gilda degli Insegnanti che sottolinea "l'importanza del ruolo commissariale in un momento delicato e serio quale quello del reclutamento dei docenti".
"Non si capisce, infatti, per quale ragione – rincara la dose il sindacato – tale reclutamento sia pagato meno degli esami di maturità".
Dalla Gilda, quindi, la richiesta al Miur di un decreto urgente: "Chiediamo un intervento tempestivo per il riconoscimento di un'adeguata indennità ai commissari, in alternativa all'esonero dal servizio".
.
Roma, 8 febbraio 2013
( categories: Comunicati Gilda )

LE NORME SUI PERMESSI ELETTORALI

Inserito da admin il 8 Febbraio, 2013 - 08:49

votareASSENZA DAL LAVORO DEI DIPENDENTI CHE SI RECANO A VOTARE IN COMUNI DIVERSI DA QUELLI OVE PRESTANO L'ATTIVITÀ LAVORATIVA
Non è previsto alcun permesso specifico
per recarsi a votare, fatto salvo quanto indicato nel paragrafo successivo.
È comunque pacifico il diritto del lavoratore a chiedere - ed ottenere - permessi non retribuiti o ferie per raggiungere il proprio comune di residenza con i mezzi di trasporto ordinari (treno, aereo, nave).
Solo il personale con rapporto a tempo indeterminato dei comparti pubblici può fruire, a tale scopo, dei permessi retribuiti previsti contrattualmente, se non ancora utilizzati.

PERMESSO RETRIBUITI AI DIPENDENTI PUBBLICI PER ESERCITARE IL DIRITTO DI VOTO
La materia è disciplinata dalla circolare della ragioneria generale dello Stato Igop n. 23 del 10.3.1992. La concessione del permesso retribuito per recarsi a votare in  comune diverso da quello della sede di servizio, ai sensi dell' art. 118 del DPR 30.3.1957, n. 361, è previsto solo nell'ipotesi in cui il lavoratore risulti trasferito di sede nell'approssimarsi delle elezioni il quale, anche se abbia provveduto nel
prescritto termine di 20 giorni a chiedere il trasferimento di residenza, non abbia ottenuto in tempo l'iscrizione nelle liste elettorali della nuova sede di servizio.
Qualora ricorra la predetta circostanza al lavoratore va riconosciuto il permesso retribuito per l'esercizio del diritto di voto entro i limiti di tempo stabiliti dal Ministero del Tesoro con Decreto 5.3.1992 sotto indicati, comprensivi del tempo occorrente per il viaggio di andata e ritorno:
un giorno per le distanze da 350 a 700 chilometri;
due giorni per le distanze oltre i 700 chilometri o per spostamenti da e per le
isole.

( categories: Vita scolastica )

SCUOLA, GILDA: BENE OK A TFA SPECIALI, MA RESTANO PROBLEMI

Inserito da admin il 7 Febbraio, 2013 - 14:01

tfa speciali..."E' un passo avanti, ma i problemi per l'attuazione dei Tirocini formativi attivi per chi ha già tre anni di insegnamento alle spalle permangono". La Gilda degli Insegnanti esprime, in una nota, una moderata soddisfazione per il via libera ai Tfa speciali della commissione Cultura della Camera.


Oltre al limite dei tre anni (180 giorni per ogni anno scolastico) per l'accesso alle abilitazioni senza test di selezione, rispetto al tetto dei 360 giorni di supplenza proposto dal sindacato, la Gilda punta l'indice su altre due questioni aperte: "Riteniamo una grave lacuna l'assenza, nel decreto, di riferimenti al diritto allo studio. Un'assenza – sottolinea – che equivale a trascurare la realtà dei numerosissimi docenti precari che già lavorano. Senza contare, inoltre, l'onerosità dei Tfa che costano in media 2500 euro a partecipante".

( categories: Comunicati Gilda )

CONCORSO DDG 82/2012 - NOTA MIUR 779

Inserito da admin il 5 Febbraio, 2013 - 10:46

Prot. n. AOOODGPER 779

Roma, 31 gennaio 2013

 

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

OGGETTO: Concorso docenti – DDG. n. 82 del 24 settembre 2012 – Ulteriori indicazioni relative allo svolgimento delle prove scritte.

Si fa seguito all'avviso pubblicato il 15/01/2013 per fornire ulteriori indicazioni a codesti Uffici relativamente allo svolgimento delle prove scritte.

VIGILANZA
Al fine di tutelare l'interesse pubblico al regolare espletamento della procedura concorsuale, si rappresenta la necessità che il personale docente svolga funzioni di vigilanza anche nei giorni di sospensione delle attività didattiche.

LOCALI
E' opportuno che vengano date disposizioni a tutte le istituzioni scolastiche sedi di esame affinchè nel giorno successivo allo svolgimento delle prove venga effettuata una opportuna disinfezione dei locali a salvaguardia dell'igiene, con conseguente sospensione dell'attività didattica.

( categories: Spazio precari )

INDEBITA TRATTENUTA DEL 2,5% PER TFS: DOPO LA DIFFIDA ADESSO IL RICORSO IMMEDIATO!

Inserito da admin il 4 Febbraio, 2013 - 19:11

pericolo di furtoCari colleghi
Da diversi mesi la Gilda denuncia il grave sopruso dell’indebita trattenuta del 2,5% sullo stipendio effettuata sulle buste paga dei docenti in regime di TFR.
Con questa operazione a ciascun insegnante viene sottratta ogni anno una cifra pari, mediamente, a 600 euro all’anno!
Il Governo Monti, recentemente, ha sanato, con il decreto legge n.185/2012 solo la situazione dei docenti già in regime di TFS (trattamento di fine servizio), per i quali tale trattenuta è legittima.
Per tutti gli altri colleghi, la trattenuta del 2,5% è da considerarsi illegittima.
Perciò la Gilda invita tutti i colleghi con i seguenti requisiti a venire presso le nostre sedi e aderire al ricorso collettivo per ottenere la cessazione immediata della trattenuta e il rimborso di tutti i soldi indebitamente sottratti.

Requisiti
1-    Insegnanti assunti a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2000, ma che abbiano aderito a  Fondi di previdenza integrativa o complementari (es.: Fondo Espero);
2-    Insegnanti assunti a tempo indeterminato dopo il 31 dicembre 2000;
3-    Insegnanti assunti a tempo determinato dal 30 maggio 2000 in poi.

Le adesioni al ricorso, rivolto a tutti i docenti di ogni ordine e grado, precari e di ruolo, sono aperte da lunedì 4 febbraio a venerdì 1 marzo 2013.

( categories: Ufficio Legale )