INDEBITA TRATTENUTA DEL 2,5% PER TFS: DOPO LA DIFFIDA ADESSO IL RICORSO IMMEDIATO!

Inserito da admin il 4 Febbraio, 2013 - 19:11

pericolo di furtoCari colleghi
Da diversi mesi la Gilda denuncia il grave sopruso dell’indebita trattenuta del 2,5% sullo stipendio effettuata sulle buste paga dei docenti in regime di TFR.
Con questa operazione a ciascun insegnante viene sottratta ogni anno una cifra pari, mediamente, a 600 euro all’anno!
Il Governo Monti, recentemente, ha sanato, con il decreto legge n.185/2012 solo la situazione dei docenti già in regime di TFS (trattamento di fine servizio), per i quali tale trattenuta è legittima.
Per tutti gli altri colleghi, la trattenuta del 2,5% è da considerarsi illegittima.
Perciò la Gilda invita tutti i colleghi con i seguenti requisiti a venire presso le nostre sedi e aderire al ricorso collettivo per ottenere la cessazione immediata della trattenuta e il rimborso di tutti i soldi indebitamente sottratti.

Requisiti
1-    Insegnanti assunti a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2000, ma che abbiano aderito a  Fondi di previdenza integrativa o complementari (es.: Fondo Espero);
2-    Insegnanti assunti a tempo indeterminato dopo il 31 dicembre 2000;
3-    Insegnanti assunti a tempo determinato dal 30 maggio 2000 in poi.

Le adesioni al ricorso, rivolto a tutti i docenti di ogni ordine e grado, precari e di ruolo, sono aperte da lunedì 4 febbraio a venerdì 1 marzo 2013.

Verificate voi stessi, nel vostro cedolino, l'ammontare della trattenuta, individuando la seguente voce:



( categories: Ufficio Legale )